Dipendenza dall’Esercizio Fisico: come riconoscerla?

L’esercizio fisico è definito come un insieme di movimenti pianificati che hanno lo scopo di migliorare la propria forma fisica. Caldamente raccomandato alle persone in sovrappeso, l’esercizio fisico rappresenta la condizione senza la quale è molto difficile ottenere una perdita di peso.

Tuttavia può assumere una forma patologica.

Il DEFC, Dipendenza da Esercizio Fisico, si caratterizza per un meccanismo eccessivo e compulsivo che porta la persona a svolgere attività fisica in modo sempre più intenso e ravvicinato; si può sviluppare una vera e propria sindrome di astinenza che si manifesta con disturbi sia fisici che psichici e che, spesso, porta il soggetto a isolarsi socialmente e a trascorrere tutto il suo tempo in palestra.

La Dipendenza da Esercizio Fisico si definisce “primaria” quando è dovuta alla dipendenza dalle beta endorfine, prodotte dal nostro organismo durante l’attività fisica, che permettono un miglior controllo della fame e una diminuzione dell’ansia, producono sensazioni piacevoli e alzano la soglia del dolore.

La DEFC si definisce, invece, “secondaria”  quando è legata ad altre condizioni patologiche come un Disturbo del Comportamento Alimentare in cui l’attività fisica serve a evitare un aumento di peso indesiderato, o alla Vigoressia, in cui la persona, nonostante un fisico molto muscoloso, continua ad allenarsi a ritmo incalzante perché ha la percezione di essere esile.

Le cause della Dipendenza da Esercizio Fisico sembrano essere di diversa natura: dipendenza da endorfine; espressione di un disagio legato all’ansia o a una bassa autostima; presenza di tratti di personalità ossessivo-compulsiva (rigidità morale, perfezionismo); pressione sociale alla magrezza per le donne e a un corpo muscoloso per gli uomini.

Oggi La DEFC viene considerata una forma di “dipendenza senza sostanza” proprio perché la persona, a differenza dalla dipendenza da droghe, da cibo o da gioco d’azzardo, non dipende da un oggetto concreto, ma esclusivamente dall’esercizio fisico. Le persone che ne sono affette trascorrono ore e ore in palestre, sottoponendosi a lunghe serie di esercizi estenuanti, aumentando sempre di più la frequenza, la durata e l’intensità di ogni allenamento.